Mangiare cibi veri

Il dottor Franco Berrino ci spiega quali sono i cibi da evitare sulla nostra tavola e quali sono i cibi veri, che fanno bene alla nostra salute.

In questo video il dottor Franco Berrino ci spiega quali sono i cibi da evitare sulla nostra tavola e quali sono i cibi veri, che fanno bene alla nostra salute.

Guarda il video, leggi il testo oppure ascolta la traccia audio:

 

Viviamo in un mondo dove tutto è diverso.

Il cibo che mangiamo oggi è un cibo che l’uomo non ha mai mangiato nella storia dell’umanità.

Più del 50% del cibo che si mangia nei paesi più ricchi è un cibo prodotto dall’industria alimentare: è un cibo trasformato, ultra-trasformato dall’industria alimentare.

In America è più del cinquanta percento, da noi in Europa è un po’ meno.

Questo cibo non ci fa bene: è un cibo raffinato da cui sono state tolte molte cose, in particolare le fibre.

È un cibo che è stato addizionato da conservanti, coloranti, agenti trasformanti, emulsionanti.

Gli studi mostrano chiaramente che più ne mangiamo peggio è.

Di cosa si tratta? 

Si tratta di tutti i salumi e le carni lavorate, tutti i wurstel e gli hamburger, tutte le bevande industriali, tutti i gli snack dolci e salati, tutta la pasticceria industriale, tutti i cibi pronti da mettere nel forno a microonde.

Il nostro messaggio è di tornare a mangiare i cibi e non le trasformazioni industriali dei cibi: comprare i cibi semplici e cucinarceli.

La trasformazione fatta in cucina va molto bene.

La trasformazione fatta dall’industria aumenta la mortalità: le bevande zuccherate (in particolare le bevande zero) aumentano la mortalità, soprattutto la mortalità cardiovascolare, ma anche la mortalità per cancro.

Stiamo lontano dal cibo industriale e ritorniamo a mangiare i cibi naturali.

La gente dice che non ha tempo per cucinare oggi e che deve comprare i cibi pronti. Ma non è vero che non abbiamo tempo da cucinare. È una questione di organizzazione della vita.

Possiamo benissimo trovare il tempo di cucinare il nostro cibo.

Franco Berrino

Iscriviti alla newsletter

Entra nella Community La Grande Via